Mercoledì, 09 Luglio 2014 00:00

www.primapaginanews.it

Scritto da  di Prima Pagina News
Vota questo articolo
(0 Voti)

www.primapaginanews.it/premiata-panineria-pigneto

Roma, inaugurazione Premiata Panineria Pigneto & Spirito
Roma, 24 giu (Prima Pagina News) Aprire un nuovo locale, senza necessariamente cavalcare le tendenze, ma cercando di dare forma a un’idea imprenditoriale e ad uno stile di vita. Realizzare un luogo dove il cibo, se pur di qualità, svolga il ruolo di coprotagonista, lasciando al bere lo spazio di primo attore. Un ambiente studiato – anzi due in realtà, collegati fra loro in modo inusuale - una proposta gastronomica mirata e ricercata, cocktail di assoluta qualità, eleganza e stile. Da tutto questo Massimo Innocenti e Agathe Jaubourg (già ideatori del Micca Club e del bar ristorante Necci) prendono spunto per i loro due nuovi locali: “Premiata Panineria Pigneto” e “Spirito”, che aprono le porte a Roma dal 24 giugno 2014. Entrando da “Premiata Panineria Pigneto”, ci accolgono un banco lungo 6 metri, con esposizione orizzontale di bevande esclusivamente italiane (analcoliche e birre) e poi dessert (fatti ad hoc dalla rinomata Pasticceria Necci). Carni e pesce d’eccellenza per i panini con le salse home made. L’atmosfera è quella di una salsamenteria con cucina, che abbina con destrezza pani appena sfornati (realizzati da Stefania Pistillo del Forno Necci), a ricette uniche ed esclusive. I sei panini in carta (per carnivori, vegetariani e vegani) i cartocci di fish&chips, le patatine (qui chiamate Premiatine) si mangiano al banco, o sulle mensole accomodati sugli alti sgabelli. Le preparazioni sono curate come fossero piatti gourmet e i produttori selezionati con cura. Il baccalà è un merluzzo del Baltico di prima scelta; il macinato (che da il nome al panino) è di vitellone razza marchigiana e arriva da Picinisco, nel Parco Nazionale d’Abruzzo. Anche le semplici patate sono scelte tra quelle a pasta gialla del Fucino. Piatto forte della casa è il “Premiato”, pane al nero di seppia con filetto di merluzzo in crosta di fiocchi di mais e salsa tartara artigianale. La proposta gastronomica è profondamente legata alla tradizione italiana della ristorazione veloce (come i filetti di baccalà) a cominciare dalle immancabili panelle con lime e pepe rosa, da gustare semplici o nel pane di grano duro. Nei classici (“Fish&Chips” e panino con hamburger “Macinato”) si respira un’atmosfera internazionale ma gli ingredienti sono tutti legati al territorio, dal pecorino scamosciato di Picinisco al suino rosa del wurstel (anch’esso dell’Appennino laziale) che è stato infatti battezzato “Hot D.O.L.”. Tutto evidenzia la volontà di seguire un percorso legato alla qualità, anche nelle piccole cose, abbracciando un comportamento etico addirittura nella scelta delle posate e del packaging, completamente biodegradabili. Un distributore d’acqua è accessibile ai clienti dall’interno di Premiata e a tutti dall’esterno, su strada, attraverso una vetrina che incorpora anche un grande raccoglitore per la differenziata. I prezzi vanno da un minimo di 4 € (pane e panelle) a un massimo di 6,50 € (panino Macinato), con la possibilità di creare il proprio panino con l’aggiunta di pancetta, formaggio, condimenti e salse. Sul fondo della sala una porta da cella frigorifera, sormontata dalla scritta Carni Scelte. La presenza di un citofono anticipa la possibilità di accedere ad un altro ambiente, come fosse un retro, ma come nella migliore tradizione della clandestinità, questa porta nasconde un posto riservato a pochi. Da qui si entra nel magico mondo di “Spirito”, il club più inconsueto della capitale. Lontani anni luce dall’atmosfera familiare e rassicurante della Panineria appena visitata, siamo nel più puro secret bar, un gentlemen club destinato a chi ama bere veramente. 70 posti interni e 60 sulla terrazza che guarda dall’alto le suggestive periferie della capitale. Qui si beve ma non è un pub: un vero e proprio vademecum regola il tempo che gli ospiti passeranno in questa zona. Buona educazione e gentilezza, qui, hanno forme ben definite, tanto da averle regolate con una carta del locale.

Letto 1072 volte Ultima modifica il Mercoledì, 23 Luglio 2014 17:31
Altro in questa categoria: « www.agi.it www.gamberorosso.it »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Popup Login Form